Print

COP25: le città non aspettano più gli Stati nazionali

Written by Giuseppe Sala.

Giuseppe Sala
Intervista di Euractiv.

Poiché esiste ancora un piccolo numero di nazioni che bloccano l'attuazione dell'Accordo di Parigi e le città già avvertono l’impatto dei cambiamenti climatici, sono pronte a prendere loro la guida nella lotta al riscaldamento globale, ha detto il sindaco di Milano e il vicepresidente della rete C40 Giuseppe Sala.
Quali sono le aspettative delle città su questa COP?
Innanzitutto, rispondo come singolo cittadino preoccupato per il futuro della vita sul nostro Pianeta. La scienza è assolutamente chiara: se continuiamo sul nostro percorso attuale, l'aumento della temperatura globale sarà di 3 o 4° C superiore alla media preindustriale.
Ciò causerà sofferenze indicibili per centinaia di milioni di persone in tutto il mondo. Vediamo già i segni della crisi climatica con mare in aumento, condizioni meteorologiche estreme e disastri naturali, alluvioni, siccità, incendi. Quindi, la mia aspettativa è che gli Stati e i loro negoziatori a Madrid realizzino effettivamente un risultato significativo che aiuti a prevenire le catastrofici derivate dai cambiamenti climatici. Come sindaco, mi aspetto che imparino dalle azioni messe già in campo dalle città del mondo. Abbiamo dimostrato che è possibile collaborare oltre i confini, attraverso reti di città come C40 e fornire un'azione per il clima inclusiva che riduca le emissioni. Siamo in grado di affrontare i cambiamenti climatici, affrontare la disuguaglianza e costruire comunità sostenibili e sane in tutte le nostre città. Tuttavia, sono anche realista. Vedo che un piccolo numero di nazioni, sostenute da potenti interessi e lobby, stanno bloccando progressi significativi. Ecco perché le città non stanno più aspettando le nazioni. Se gli Stati non guideranno questi processi, lo faranno i sindaci.
Quanto è significativo il Green Deal europeo per le città?
Mi congratulo con il Presidente della Commissione per aver posto un Green Deal europeo al centro della sua piattaforma politica. Riconosce, come molti di noi, la portata della minaccia rappresentata dai cambiamenti climatici, ma anche l'opportunità per proteggere i mezzi di sussistenza, aiutare a porre fine alla povertà, migliorare la vita e costruire società più eque.
Non ho dubbi che il motivo per cui stiamo assistendo a impegni così chiari da parte dei politici di tutto lo spettro politico sia dovuto all'impatto dei giovani che protestano per le strade delle nostre città. In tal senso, il Green Deal europeo proviene dalle città e se avrà successo, come credo che debba, vedremo il suo impatto maggiore proprio sulle nostre città.
Il Green Deal europeo è un progetto sul clima, ma dovrebbe anche essere molto più di questo. È la nostra occasione per ripensare profondamente al modo in cui operano le nostre economie e spostarle per costruire una società europea più giusta e più sostenibile. Questa è la nostra occasione per costruire un'Europa che i nostri cittadini vogliono. Quindi, ovviamente, è estremamente significativo per le città di tutto il continente.
Le prossime settimane sono fondamentali per garantire che l'inquadramento del Green Deal si trasformi in un trampolino di lancio per offrire il massimo del suo potenziale. I sindaci delle grandi città europee non vedono l'ora di lavorare con la nuova Commissione, perché da anni attuiamo questo tipo di azioni. Milano ha una delle zone a bassa emissione più efficaci d'Europa e le nostre politiche per ridurre le emissioni degli alimenti prodotti e consumati nella nostra città sono in fase di studio da parte di colleghi sindaci di tutto il mondo. Le città stanno anche aprendo la strada all'azione attraverso edifici, rifiuti, qualità dell'aria e adattando le nostre città alle conseguenze dei cambiamenti climatici già in atto. Mentre il Presidente della Commissione Von Der Leyen e il Vicepresidente esecutivo Timmermans elaborano i loro piani per il Green Deal europeo, consiglierei loro di iniziare a parlare con i sindaci europei.
Anche il Green Deal europeo e il New Deal verde statunitense saranno al centro della COP25. Come vicepresidente del gruppo C40 Cities, rappresenta il punto di vista delle città europee nella rete C40. In che modo i sindaci di città situate al di fuori dell'Europa e del Nord America considerano un nuovo accordo green? In che modo il Green Deal europeo si adatta al quadro globale?
Proprio il mese scorso la rete C40 Cities ha esplicitato la propria visione per un New Deal verde globale. Ci impegniamo a porre un'azione sul clima al centro di tutte le decisioni urbane, per creare comunità fiorenti ed eque per tutti. Stiamo costruendo una coalizione globale senza precedenti, tra città, imprese, giovani, investitori, lavoro, società civile, cittadini e comunità colpite in modo sproporzionato dai cambiamenti climatici. Il nostro obiettivo è quello di guidare il trasferimento delle risorse globali in modo irreversibile lontano dai combustibili fossili e verso azioni che sostengano l'emergenza climatica.
Spero che il Green Deal europeo corrisponda a questa ambizione, perché questo è ciò che l'evidenza scientifica dimostra chiaramente che è necessario. Non vediamo l'ora di lavorare con la Commissione europea, proprio come stiamo lavorando con il Segretario Generale delle Nazioni Unite, il rappresentante degli Stati Uniti Ocasio-Cortez e i giovani leader del movimento Fridays For Future, per allineare la nostra visione collettiva per un futuro migliore.
I principi a cui stiamo lavorando insieme mirano a fornire giustizia ambientale ed economica insieme. In molti Paesi, questo si traduce come un "New Green Deal". Questo è il motivo per cui il sindaco di Los Angeles, che ora presiede C40 Cities, è determinato a inquadrarlo in questo modo. Ma non è il nome che è importante, la chiave è la filosofia che sta dietro.

Per seguire Beppe Sala: sito web - Pagina Facebook