Stampa

Le pietre d'inciampo sono il funerale d'emozione per le vittime senza memoria della Shoah

Scritto da Liliana Segre.

Liliana Segre"Sono persone che non hanno avuto il funerale, le pietre raccontano storie di persone che sono senza memoria, che sono sparite nel vento di Auschwitz, persone che non hanno altri ricordo", così Liliana Segre ha esordito in Consiglio comunale a Milano, seduta sullo scranno del sindaco, nella giornata della presentazione delle iniziative per la giornata della Memoria. Prima di Liliana, Segre, presidente onoraria del Comitato pietre d'inciampo, arrivata a Palazzo Marino con la scorta che le è stata assegnata per le minacce ricevute, ha parlato Marco Steiner, vicepresidente del comitato. "Obiettivo è ricordare chi fu vittima della persecuzione nazifascista senza distinzioni di razza, religione e idee politiche", racconta Steiner, "Ci eravamo dato obiettivo di mettere 12 pietre all'anno, in quattro anni sono già 90, quest'anno 28.
Stampa

C’è la volontà di raccogliere ciò che emerge dalla società

Scritto da Franco Mirabelli.

Franco Mirabelli«È evidente che non serve un’operazione di facciata. Non mi pare che dire che costruiamo un partito nuovo sia un’operazione di facciata. C’è la volontà di raccogliere ciò che emerge dalla società italiana e che non riusciamo a rappresentare. Se non fosse così non servirebbe, nessuno si imbarcherebbe in un’operazione congressuale di questo tipo. Detto questo c’è bisogno di aprire una fase nuova. Ora però bisogna dare sostanza al progetto, il nome e l’organizzazione verranno». Questo il commento del senatore Franco Mirabelli, Vicepresidente del Gruppo PD al Senato alla proposta di Nicola Zingaretti.
Stampa

Aprire ai lavoratori

Scritto da Massimo Bonini.

Massimo BoniniLa Cgil, con Massimo Bonini, segretario della Camera del Lavoro di Milano, accetta la sfida lanciata da Nicola Zingaretti sul nuovo corso del Pd a un patto: “Va cambiato il paradigma, occorre aprire il Pd a chi lavora, a chi vive in prima persona problemi e difficoltà”. “Anche noi del sindacato abbiamo riconosciuto gli errori che abbiamo fatto e che in parte ci accomunano. In sintesi: il tema dell’occupazione giovanile, quello delle nuove generazioni, la precarietà e il lavoro povero. Oggi in alcuni ambiti non è più sufficiente avere un lavoro per godere di una vita dignitosa. Siamo in un’epoca di grandi trasformazioni, tecnologiche e di sostenibilità, che ci imporranno la revisione dei modelli produttivi, anche produttivi ed anche nei luoghi di lavoro. Vorrei dire subito che il Jobs Act non ha intercettato nulla di tutto questo.
Stampa

Vogliamo costruire non sciogliere

Scritto da Nicola Zingaretti.

Nicola Zingaretti"Caro Salvini non ti illudere: vogliamo costruire non sciogliere. Combattere e non arretrare. Aprirci e non chiuderci. Racconti i problemi delle persone, ma li racconti e basta, li crei e non dai mai soluzioni, perche' non le hai. Noi i problemi vogliamo risolverli e abbiamo iniziato a farlo. Ora tutte e tutti in campo per vincere e continuare a cambiare", così Nicola Zingaretti commenta le battute del leader leghista e precisa il suo pensiero rispetto alla proposta di cambiare il PD.